Tirocinio tattico aeronavale per i piloti del 41° Stormo di Sigonella

Il corso di 5 settimane si è tenuto al Centro Addestramento Aeronavale della Marina Militare di Taranto

Dal 29 maggio al 29 giugno 2018, presso il Centro Addestramento Aeronavale della Marina Militare, si è tenuto il Tirocinio Tattico Aeronavale (TATAER) cui hanno partecipato Piloti ed Operatori di Volo sia della Marina Militare (MM) sia dell’Aeronautica Militare (AM).

Il Tirocinio ha visto la partecipazione di 26 Ufficiali Piloti, di cui 8 appartenenti al 41° Stormo dell’AM di Sigonella e fra questi 5 dell’AM e 3 della MM, e 10 Sottufficiali/Graduati Operatori di Volo di nuova formazione, provenienti dalle Stazioni elicotteri della MM (MARISTAELI) di Catania e di Luni – Sarzana (SP), e dalla Stazione Aeromobili della MM (MARISTAER) di Grottaglie (TA).

Il TATAER rappresenta un momento di formazione fondamentale per il personale della componente aerea. Durante 5 intense settimane di formazione, ufficiali e sottufficiali apprendono e condividono le basi teoriche necessarie su cui improntare successivamente il loro impiego in ambito operativo, per svolgere un vasto numero di missioni tattico-operative ad ampio spettro (come quelle di tipo anfibio e di supporto alle operazioni speciali). La partecipazione di ufficiali dell’Aeronautica Militare conferisce una connotazione joint, di particolare importanza già a partire dalle fasi iniziali della formazione.

Al termine dell’attività, durante l’assemblea di reparto, il Comandante del Centro Addestramento Aeronavale, Ammiraglio di Divisione Pasquale Guerra, ha espresso soddisfazione per i risultati ottenuti dai frequentatori, sottolineando ed auspicando come “il successo dei singoli sia solo la punta dell’iceberg di un’organizzazione che lavora quotidianamente secondo i fondamentali principi di efficienza, efficacia ed esemplarità”.

Il 41° Stormo Antisom dell’AM di Sigonella è dotato di velivoli P-72A con i quali garantisce la propria missione primaria di sorveglianza marittima, contrasto ai traffici illeciti e al terrorismo internazionale e di salvaguardia della vita umana in mare a lungo raggio nonché protezione delle principali vie di traffico marittimo nei quadranti meridionali del mediterraneo.

Gli equipaggi del P-72A del 41° Stormo sono formati da ufficiali piloti e sottufficiali operatori di bordo che appartengono all’AM e alla MM. La caratteristica tipica rappresenta dal 1965 un esempio di sinergia e cooperazione interforze ben collaudato ed efficiente che si pone in netto anticipo rispetto al forte sviluppo interforze dello strumento militare caratteristico di questi ultimi anni. Per questo motivo, a seguito dell’istituzione nel 1957 dell’Aviazione Antisommergibile, il 41° Stormo mantiene una veste tipicamente interforze e perfettamente integrata attraverso il connubio tra le due Componenti, aeronautica e marittima. I velivoli antisom, in passato i Grumman Tracker e i Breguet Atlantic e oggi il P72A, dipendono, infatti, per l’impiego dalla Marina Militare, che valuta e determina tutte le missioni operative ad essi assegnabili, mentre le attività tecnico-logistiche e l’addestramento tecnico-professionale sono responsabilità dell’Aeronautica Militare.

Check Also

GARA PER FORNITURA MOTOVEDETTE GUARDIA COSTIERA ITALIANA, CANTIERE NAVALE VITTORIA VINCE AL CONSIGLIO DI STATO CONTRO CODECASADUE S.P.A.

Il supremo organo della giustizia amministrativa ha accolto il ricorso in appello presentato da Cantiere …

UA-113296760-1